Martedì 26 Settembre 2017
biografia PDF Stampa E-mail

Short Bio:

E' uno dei più interessanti chitarristi della scena contemporanea, con uno stile molto personale, una sintesi risultante da una formazione eterogenea sviluppata, nel corso degli anni, con la frequentazione di molteplici ambiti musicali e chitarristici: dal rock al jazz alla musica etnica, dall'elettronica alla chitarra classica, dalla scrittura colta europea alle forme d'improvvisazione contemporanea.
Pioniere ed importante riferimento per intere generazioni di chitarristi nell'uso degli effetti elettronici applicati alla chitarra elettrica, è al tempo stesso un grande conoscitore della chitarra classica, di cui è uno degli interpreti più originali.
Nel corso della sua carriera ha pubblicato numerosi dischi da solista e come ospite, ed ha collaborato con i massimi esponenti della musica internazionale (Kenny Wheeler, Tony Scott, Steve Grossman, Andy Sheppard, Bob Brookmeyer, Maria Shneider, Daniel Humair, Ernst Reijsenger, Dominique Piffarelly, Antonello Salis, Paolo Damiani, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Gianluigi Trovesi, Bruno Biriaco, Luca Aquino, Michele Rabbia, Don Moje, John Taylor, e tanti altri…), esibendosi nei più importanti teatri e festival internazionali. E' leader di vari progetti, dal solo al quintetto, in cui esprime il suo mondo sonoro.
Dirige La GEO, Guitar Experience Orchestra organico di 30 chitarre di S. Cecilia, di cui è anche arrangiatore e compositore.

Maestro di "Chitarra Jazz" ed "Armonia, Analisi e Tecnica d'improvvisazione" presso il Conservatorio di S. Cecilia di Roma dal 2007 ad oggi, è stato il primo docente di Chitarra Jazz nella storia di questa prestigiosa Istituzione.

Dal 2014 insegna Chitarra Jazz al Conservatorio A. Casella di L’Aquila, al Conservatorio O. Respighi di Latina, al Conservatorio L. Refice di Frosinone e al Conservatorio L. Cherubini di Firenze.

Bio:

Classe 1963, Antonio nasce a Napoli, si dedica molto presto allo studio e all’approfondimento della pratica e della tecnica chitarristica.                 Volge inizialmente la sua attenzione prevalentemente in contesti rock e pop, partecipando, ancora molto giovane, a diverse incisioni e tournée che gli permettono di entrare subito a contatto con il mondo musicale vero e proprio. Solo successivamente, quando scopre anche la passione per la composizione, si interessa al linguaggio jazzistico, compiendo inoltre un lungo percorso nella pratica dell’improvvisazione, che lo porterà a confrontarsi con gli stili più tradizionali, come il be-bop, fino a scoprire e poi prediligere le forme più contemporanee, lavorando con diversi artisti della scena nazionale e internazionale di grande rilievo (Kenny Wheeler, Tony Scott, Steve Grossman, Andy Sheppard, Ernst Reijseger, Massimo Urbani, Danilo Rea, Roberto Gatto, Maurizio Giammarco, Bruno Tommaso, Gianluigi Trovesi, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Riccaro Lay, Michele Rabbia, Bruno Biriaco, Mario Raja, Paolo Damiani, Luca Aquino, Giancarlo Schiaffini, Jean-Marc Montera, Carl Anderson, Antonello Salis, Dominique Pifarely, Don Moye, la Parco della Musica Jazz Orchestra, Maria Shneider, Bob Brookmeyer e tanti altri).


Negli anni della formazione si sente profondamente attratto dalla musica classica, e nel 1989 consegue il diploma in Chitarra al Conservatorio Statale di Benevento. Negli anni precedenti aveva frequentato: le Berklee summer clinics di chitarra, armonia jazz e tecnica dell’improvvisazione; stages con John Scofield, Jim Hall, Joe Diorio, Mike Goodrick e Mike Stern.

Negli anni Ottanta partecipa attivamente alla fervida scena napoletana, frequentando Antonio Golino, Antonio Balsamo, James Senese,Gigi de Rienzo e Tullio De Piscopo, che saranno i suoi  primi maestri nel jazz. Nei primi anni Novanta si trasferisce a Roma entrando nella Tony Scott band, al fianco di Massimo Urbani. Suona stabilmente con questa formazione per circa tre anni effettuando centinaia di concerti. In seguito suona con Steve Grossman  per alcuni mesi e si reca a Londra dove incontra Andy Sheppard e John Taylor. Tra il 1991 e il 1998  inizia la collaborazione con Paolo Damiani, con cui parteciperà a vari progetti, tra cui: “A.D.E.” ; “Senza Scilla e Cariddi”; “ESO”; “Sconcerto”, edito in Cd da Il Manifesto che vede la partecipazione di Stefano Benni.
Nel biennio 92-93 è chitarrista della band di “Avanzi”, trasmissione cult di Rai3, con cui effettua inoltre varie tournée (con Danilo Rea, Roberto Gatto, Maurizio dei Lazzaretti, Maurizio Giammarco, Pietro Tonolo...).

A metà degli anni Novanta intensifica il suo rapporto con le produzioni teatrali, regalando musica di notevole spessore a progetti e compagnie di tutta Italia: Teatro Argentina, Sistina, Quirino, India, Brancaccio ed Olimpico di Roma; Teatro Ciak, Nuovo, Nazionale, Smeraldo di Milano; Teatro Augusteo, Bellini, Mercadante e S.Carlo di Napoli; Teatro Regio e Colosseo di Torino; Teatro Comunale di Jesi, Istituto Nazionale del Dramma antico e Teatro Greco di Siracusa; Teatro Greco di Taormina; Teatro Massimo di Palermo; Balletto di Toscana a Firenze...

Lavora come solista in orchestra Rai per numerose produzioni televisive, e registra svariate colonne  per film e documentari, sia come autore che come chitarrista ed arrangiatore, collaborando con: Nicola Piovani, Gianni Ferrio, Ennio Morricone, Germano Mazzocchetti, Giuliano Taviani, Pippo Caruso, Armando Trovajoli....

Inoltre produce una serie di registrazioni (sulle cui tecniche approfondisce una particolare ricerca) di musica improvvisata (e non), coinvolgendo musicisti di varie aree; da queste e dalla sua continua ricerca sulla composizione trae il materiale non solo per i suoi dischi ma anche per i lavori in tutte le altre forme d’arte. Nel 1996 partecipa in qualità di chitarra solista nell’orchestra sinfonica per “La Tempesta” del Balletto di Toscana (musica di Massimo Nunzi, coreografia Fabrizio Monteverde). Dal 1996 al 1998 è autore delle musiche per le installazioni di Sukran Moral (Museo laboratorio d’arte contemporanea, Università La Sapienza, Roma; Istanbul).
Inoltre compone le musiche per le coreografie di Maddalena Scardi e Patrick King della compagnia di Pina Baush.



Dal 1999 al 2003 è chitarrista nelle produzioni teatrali: “Jesus Christ Superstar” con Carl Anderson ed Amii Stewart; “Saturday Night Fever” con Bob Simon (tour 2001-02); “Lady Day” ancora con Amii Stewart (2002); “Nights on Broadway” (gran galà del musical AA/VV,Teatro Nazionale-Milano musical 2002), “Fame” (tour 2004), effettuando centinaia di repliche nei più importanti teatri italiani ed esteri.
Nel 2004 interrompe l’attività teatrale per ritornare ad un ambito più vicino alla sua natura artistica riprendendo le collaborazioni in ambito jazzistico e nella musica improvvisata.


E' autore delle colonne sonore dei documentari di denuncia politico-sociale di Claudio Lazzaro : Camicie Verdi, Nazirock e Bandiera Viola.


Continua la sua ricerca nella composizione e nella pratica improvvisativa, con pari attenzione sia all’ambito elettrico che a quello acustico, esplorando sempre piu' anche le possibilità della musica elettronica.

Nel 2006 fonda il TIE TRIO, progetto  ispirato alla formula del “power trio” rock con influenze piu' contemporanee, basato su un complesso lavoro di scrittura e su forti contrasti. (cd "Tie Trio" 2007 cd baby)

Nel 2007 è chitarra solista ospite della Parco della Musica Jazz Orchestra  per l’esecuzione esclusiva  della musica di Maria Schneider, da lei diretta.

Nel 2008 è chitarra solista ospite della Parco della Musica Jazz Orchestra per l’esecuzione di un tributo alla musica di Jimi Hendrix.

Con Antonello Salis, oltre a comporre un formidabile duo, dà vita ai Bookmakers, quintetto composto anche da Sandro Satta, Adriano Lo Giudice e John Arnold.

Nel 2009, con Michele Rabbia e Marcello Allulli, da' vita al RAJ TRIO, progetto d'improvvisazione elettro-acustico con il quale registra un CD "Raj Trio" pubblicato nel 2010 dalla Parco Della Musica Records.

Nel 2010 è chitarra solista ospite della Parco della Musica Jazz Orchestra  per l’esecuzione esclusiva  della musica di Bob Brookmeyer.

Nel 2011 produce un proprio progetto ispirato all’essenza musicale di Jimi Hendrix ( MY OWN EXPERIENCE ), con lo stesso organico di Tie Trio più Antonello Salis. Con questo progetto realizza un cd "My own Experience" pubblicato nel 2012 dall'etichetta Zone di Musica.

Nel 2012/13 realizza due nuovi progetti:

Quartetto "CHAMBER PROJECT", con Paolo Damiani, Gianluigi Trovesi, Fulvio Maras. Progetto acustico in cui utilizza quasi esclusivamente la chitarra classica, eseguendo musica fondamentalmente scritta ed arrangiata per un'organico "quasi da camera". In uscita ad aprile 2012 un cd, "Quiet Journey" per la Parco della Musica Records.

Quintetto "TETRIS", con Andy Sheppard, Fabrizio Bosso, Enrico Zanisi, Emanuele Smimmo. Organico "bassless" con cui sperimenta l'arrangiamento di sue nuove composizioni in trio con pianoforte, chitarra e batteria più sax e tromba. In uscita a giugno 2013 un cd "A. Jasevoli Tetris", pubblicato dalla Parco della Musica Records.

Nel 2014 è invitato da Luca Aquino a registrare il progetto "OverDoors" ispirato alla musica dei Doors, con il quale effettua un tour mondiale.

Dal 2007 e’ titolare della cattedra di Chitarra Jazz, Armonia e Tecnica d'improvvisazione presso il Conservatorio di Musica Santa Cecilia di Roma, primo docente di Chitarra Jazz nella storia di questo Conservatorio.

Dal 2014 insegna Chitarra Jazz al Conservatorio A. Casella di L’Aquila, al Conservatorio O. Respighi di Latina, al Conservatorio L. Refice di Frosinone e al Conservatorio L. Cherubini di Firenze.
------------------
Short bio:

One of the most interesting guitarists on the contemporary scene, with a very personal style, a synthesis resulting from a heterogeneous formation developed over the years, by attending a variety of contexts and guitar music from rock to jazz to ethnic music, from 'electronic to classical guitar, european classical forms to contemporary improvisation. Pioneer and important point of reference in the use of electronic effects applied to the electric guitar, is both a great expert on the classical guitar, which is one of the most original interpreters. He has released various recordings as a soloist and as a guest, actually for “Parco della Musica Records” and has collaborated with leading representatives of international music, (Kenny Wheeler, Tony Scott, Steve Grossman, Andy Sheppard, Bob Brookmeyer, Maria Shneider, Daniel Humair, Ernst Reijsenger, Dominique Piffarelly, Antonello Salis, Paolo Fresu, Paolo Damiani, Fabrizio Bosso, Gianluigi Trovesi, Don Moje, John Taylor , and many others…), performing in the most important theaters and international festivals. He is leader of various projects, from the solo to the quintet, in which he expresses his music.
He is full professor of "Jazz Guitar" and "Theory, Analysis and Improvisation" at the Conservatory S. Cecilia in Rome from 2007, and at Conservatory A. Casella in L’Aquila
and at Conservatory O. Respighi in Latina, at Conservatory L. Refice in Frosinone and Conservatory L. Cherubini in Firenze.

Bio:

Antonio was born in 1963 in Naples and soon devoted himself to the study and analysis of the guitar practice and technique. At the beginning he first concentrated on rock and pop music environment, taking part, still very young, at various recordings and tours which made him immediately come in contact with the real world.of music.

It was only later, when he discovered his passion for composing, that he started to get interested in jazz language, which, together with long study of the improvisation practice, wsa to lead him to measure himself with more traditional styles, such as be-bop, until discovering and choosing more contemporary ones, collaborating with many important artists of the national and international scene. (Kenny Wheeler, Tony Scott, Steve Grossman, Ernst Reijseger, Massimo Urbani, Danilo Rea, Roberto Gatto, Maurizio Giammarco, Bruno Tommaso, Gianluigi Trovesi, Paolo Fresu, Riccaro Lay, Michele Rabbia, Mario Raja, Paolo Damiani, Luca Aquino, Giancarlo Schiaffini, Jean-Marc Montera, Carl Anderson, Antonello Salis, Dominique Pifarely, Don Moye, the Parco della Musica Jazz Orchestra, Maria Shneider, Bob Brookmeyer and many others).

During his formation years he felt strongly attracted by classical music, and in 1989 he graduated in Classic Guitar from the Public Conservatory of Benevento. During the previous years he had attended the Berkley Summer clinics of guitar, jazz harmony and improvisation technique as well as stages with John Scofield, Jim Hall, Joe Diorio, Mike Goodrick and Mike Stern. In the eighties he actively took part to the lively Neapolitan scene, frequenting Antonio Golino, Antonio Balsamo, James Senese,Gigi de Rienzo, Daniele Sepe and Tullio De Piscopo, who will be his first jazz teachers. In the early Nineties he moved to Rome becoming a member of the Tony Scott band, alongside Massimo Urbani.

He played permanently with this band for about three years executing hundreds of concerts. Afterwards he played with Steve Grossman for some months and moved to London where he met Andy Sheppard and John Taylor. Between 1991 and 1998 he started collaborating with Paolo Damiani, with whom he took part to various projects, among which “A.D.E.” ; “Senza Scilla e Cariddi”; “ESO”; “Sconcerto” published in a Cd by the Manifesto newspaper and to which Stefano Benni took part. Betweeen 92-93 he was the guitarist of the orchestra performing in “Avanzi”, the Rai3 famous programme, with which he also carried out various tours. (with Danilo Rea, Roberto Gatto, Maurizio dei Lazzaretti, Maurizio Giammarco, Pietro Tonolo).

Around the mid Nineties he intensified his collaborations with theatre productions, creating music of remarkable depth for projects and companies from all over Italy; Teatro d’arte of Rome; Teatro Ciak of Milan; Teatro Argot of Rome; Teatro Comunale of Jesi, Istituto Nazionale del Dramma antico of Siracusa; Teatro Greco of Roma; Teatro Argentina of Roma; Balletto di Toscana in Florence. He also started a series of recordings (which techniques he will study in depth) of improvised (and not) music, involving artists belonging to different areas; form these works and his continuous research on composition he draws material not only for his records but also for all the other different art works.

In 1996 he took part as solo guitar in the symphonic orchestra for “La Tempesta” played by the Balletto di Toscana (music by Massimo Nunzi, choreography by Fabrizio Monteverde). From 1996 until 1998 he’s the author of the music for Sukran Moral’s installations (Museum laboratory of contemporary art, Università La Sapienza, Roma; Istambul). He also composed the music for Maddalena Scardi and Patrick King’s choreographies. From 1999 until 2003 he was the guitarist of various theatre productions: Jesus Christ Superstar” with Carl Anderson and Amii Stewart; “Saturday Night Fever” with Bob Simon (tour 2001-02); “Lady Day” again with Amii Stewart (2002); “Nights on Broadway” (gran galà del musical AA/VV,Teatro Nazionale-Milano musical 2002), “Fame” (tour 2004), with hundreds of performances in the most important Italian and foreign theatres.

In 2004 he decided to interrupt his theatre activity and to go back to a sphere closer to his artistic nature starting again his jazz and improvised music collaborations. He went on with his research on composition and improvisation concentrating himself both on the electric and acoustic practice as well as exploring more and more the potential of electronic music.

In 2006 he set up the TIE TRIO, a project inspired by the “power trio” rock formula revised in a more contemporary viewpoint, based on a complex writing work and strong contrasts. (cd release "Tie Trio" 2007, cd baby)

In 2007 he is the solo guitar of the Parco della Musica Jazz Orchestra for the exclusive execution of Maria Schneider’s music, and under her direction.

In 2008 he was the solo guitar of the Parco della Musica Jazz Orchestra in occasion of Jimi Hendrix’s tribute.

Also with Antonello Salis, his partner in a great duo, form the Bookmakers quintet, the other 3 partners being Sandro Satta, Adriano Lo Giudice and John Arnold.

In 2009 together with Michele Rabbia and Marcello Allulli, he established the RAJ TRIO, an elettro-acoustic improvisation project that was later recorded by Parco Della Musica Records. (cd release 2010, Parco della Musica Records)

In 2010 he is a guest of Parco della Musica Jazz Orchestra, as solo guitar for the exclusive execution of Bob Brookmeyer's music.

In 2011 he is also the author of a project inspired by Jimi Hendrix's musical essence (MY OWN EXPERIENCE) with Tie Trio and Antonello Salis (cd release "My Own Experience" 2012, Zone di Musica)

In 2012/13 he established two new projects:


1) CHAMBER PROJECT: an acoustic project with Gianluigi Trovesi, Paolo Damiani, Fulvio Maras.(new cd relase on april 2012 "QUIET JOURNEY", Parco della Musica Records).


2) TETRIS, with Andy Sheppard, Fabrizio Bosso, Enrico Zanisi ed Emanuele Smimmo.
A bassless experiment on his new compositions. (new cd release on june 2013 A. Jasevoli "Tetris", Parco della Musica Records)

Since 2007, he is full professor of Jazz Guitar, Jazz Harmony and Improvisation techniques at the "Conservatorio Statale di Musica S. Cecilia" in Rome.

Full professor of Jazz Guitar at Conservatory A. Casella in L'Aquila, at Conservatory  O. Respighi in Latina, at Conservatory L. Refice in Frosinone and Conservatory L. Cherubini in Firenze.




Discografia essenziale :
Discography:

come leader e co/leader:
as leader and co/leader:

Astralia. 1995, Modern Times MDT30135 (A. Iasevoli-A.Galasso).CD.

Triotherapy. 1997 , Café voltaire cv/10001 (with R. Gatto, M. Conti, P. Marrocco). CD.

Se Domani Sto’ Come Oggi. CD jas rec, 1997 ( with A. Galasso, D. Barittoni).

Tecniche per chitarra elettrica. 2000, CD-ROM allegato  a “ CHITARRE speciale n. 14”.

Antonio Jasevoli TIE TRIO: TIE. CD 2007, jas rec, ( with A.LoGiudice, E. Tomasi)

Antonio Jasevoli TIE TRIO: il seme compilation. CD 2009, canecane rec.

"RAJ". RAJ trio. CD 2010, Parco della Musica Records. (with M.Rabbia e M.Allulli)

"Quiet Jorney", A.Jasevoli chamber project, CD 2012, Parco della Musica Records. ( with Trovesi, Damiani, Maras)

"My own experience", around the music of J.Hendrix.  A.Jasevoli Tie Trio with A. Salis. CD 2012, Zone di musica. (with A. Salis)

"Tetris", CD June 2013, Parco della Musica Records. ( with Andy Sheppard, Fabrizio Bosso, Enrico Zanisi, Emanuele Smimmo)

"The Wolf Sessions", cd 2017, Videoradio. (with M.Smith)



Inoltre:

Avanzi sound machine – live. 1993, Polydor (with D.Rea, M.Giammarco, P. Tonolo….)

Paolo Damiani ESO. 1994, Splasc(h) CD H 404.2 ( with P. Fresu, R.Gatto, D. Rea, G.Trovesi)

Mark Hanna & handjive.. 1997,La strada rec. CD GE10297P (with M. Hanna, D. Wilson…)

Giuliano Taviani : A domani. 1999. CAM/Sony music. CD.

Paolo Damiani-Stefano Benni: Sconcerto. Live at Roccella Ionica 1998; IL Manifesto, CD

Orch. Mediterranea. Nubia.2001, Il Manifesto CD.( A. Salis, Don Moje, M.P.De Vito)

Zoofago. Br-ngb session. Nurberg 2002. Cd (with M. Rabbia e Michael Thieke)

Giuliano Taviani. Ora o mai più. Cam records. 2003. Original soundtrack.

Marco Ariano sensuali eresie, cd 2004. Carneceleste.(aa/vv)

Michel Audisso Escaping Strings. 2004. Red Records.cd. (with R.Fassi,John Arnold…).

E. del Gaudio & banderumorose, standards vol 1. Cd no voices 2005

Etruria Criminale Banda. Etnagigante . 2005. (aa/vv)

E. del Gaudio & banderumorose: Biancofiore, 2006 il Manifesto.

Franco Ferguson "Amazing Recordings" 2010.

Federica Zammarchi Jazz Oddity, 2011,cni rec.

Luca Aquino "Overdoors" 2015, tuk records.

Francesco D'Errico "Gesualdo da Venosa", 2017 Itinera records.